Il Nuovo Centro di Ricerca

Nuovo centro ricerca

Nel mese di ottobre 2006 è stato elaborato il “Manifesto della Cittadella Politecnica” che, recependo lo spirito della Convenzione sottoscritta con il Comune di Torino in data 28.12.2000, prevede tra l’altro di “fornire alla Città, nel quadro di un generale rafforzamento dei rapporti fra gli Atenei torinesi e la stessa Città di Torino, una fattiva collaborazione tecnico-scientifica nei settori di propria competenza, sia nell’ambito delle scelte strategiche su cui la Comunità torinese intende o intenderà operare, sia promovendo o partecipando a progetti, programmi, azioni in partenariato di reciproco interesse, soprattutto in ambito europeo”.

In tale spirito è stata siglata in data 23.12.2005 la lettera di intenti tra il Politecnico di Torino e la General Motors Powertrain-Europe (GMPT-E) per la costruzione di un nuovo centro di ricerca nelle aree della Cittadella Politecnica e per la sottoscrizione di Accordi quadro di partnership accademica di ricerca e di formazione e di tirocinio di lunga durata (30 anni).

L’accordo di programma tra il Comune di Torino, la Regione e Provincia, il Politecnico, e la GMPT-E è stato sottoscritto in data 29.03.06
La presenza di un nuovo centro di ricerca GMPT-E all’interno della Cittadella Politecnica per lo studio e la sperimentazione di motori diesel di nuova generazione offre al Politecnico occasione irripetibile ed irrinunciabile attraverso la collaborazione con GMPT-E di conferire un impulso significativo alle ricerche ed alla formazione nei settori energetica, meccanica, controlli e scienza dei materiali.

Tali occasioni di ricerca e formazione formeranno oggetto di specifici accordi e programmi articolati e specificati nei contenuti, di quinquennio in quinquennio, all’interno delle tematiche comprese negli accordi quadro e su altre tematiche che potranno emergere nel tempo dai risultati delle ricerche e sperimentazioni.

L’insediamento del nuovo centro di ricerca all’interno della Cittadella Politecnica costituirà certamente polo di attrazione di altri partner di ricerca con un significativo aumento di ricadute scientifiche ed anche economiche per il Politecnico.
L’insediamento del Nuovo Centro di Ricerca comporta la modifica dell’attuale Master Plan di sviluppo ed espansione del Politecnico nelle attigue aree Ex-OGR.

L’edificio è costituito da due distinti volumi, uno di 5 piani fuori terra contenente l’area di preparazione dei motori, piano tecnico e uffici (manica da 24), l’altro (laboratori), posizionato dalla parte opposta della piazza, con altezze variabili tra i m 6 e i m 7, contenente i banchi prova per i motori diesel.